“Lu sutori tlu tata” (il sudore del padre) una poesia che parla al cuore (con trad. in italiano)

Questa volta non propongo un contenuto originale, anche perché sto messo male a fantasia in questo periodo. Vi propongo, però, una poesia.

Il poeta, Giuseppe Di Viesto, è della mia piccola cittadina, San Vito dei Normanni. Secondo me parla al cuore, almeno al mio.

contadini-salentini

Ovviamente è in dialetto brindisino, ma… vi propongo la traduzione accanto.

Lu sutori tlu tata

Lu soli va ppunnennu… sta scuresci…
Luntanu è ravucata na cicala…
Nu cani-lupu rusci, nnamaresci…

Intra nu nitu si sta stenni n’ala…
Si dèscita nu criddu chianci-chianci…
Cu lu cri-cri ti mmògghica lu cori…
Nu tattauègghiu vula ntli muranci…
Si perdunu li lèmmiti tlu fori.

Iu sto ssittatu nterra, a menza scala,
nu libbru ghiusu mmanu: so studenti…
lu tata tira l’acqua cu si lava…
li scappa nu surrisu… srà pi nienti…

Uè ta’ – ticu ntra mei – cu la fatia
tli vrazzi ca sta spremunu lu fori
sta tiri l’acqua a lu mulinu mia…
e l’acqua è tova: è fatta ti sutori…

Iu sì, nci mettu tuttu lu pinzieri…
ma ci no stavi tu cu cuddu cori
puteva fari sulu lu mistieri
ti lu villanu… e tu mi vué duttori?!…

Uè tà, stasera no, no ti lavari:
si beddu puru quannu va mmucatu…
mbràzziti a me, ti vogghiu ringraziari
pi tuttu cuddu ca m’à sempri datu”.

Giuseppe Di Viesto

Il sudore del papà

Il sole sta tramontato, sta scurendo,
Lontano canta roca una cicala…
un cane-lupo brontola, amaramente…

dentro un nido si distende un’ala…
Si risveglia un grillo piagnucolone,
col suo cri-cri ti avvolge il cuore,
un pipistrello vola fra gli aranci…
si perdono i confini della campagna.

Io sto seduto a terra, a mezza scala,
un libro chiuso in mano: sono studente…
mio padre tira l’acqua per lavarsi,
gli scappa un sorriso… forse per niente…

Papà – dico fra me- con il lavoro
delle braccia che stanno spremendo il podere
stai tirando l’acqua al mio mulino,
e l’acqua è tua, è fatta di sudore…

Io sì, ci metto tutto il pensiero…
ma se non ci fossi tu con quel cuore
potre fare solo il mestiere 
del contadino… e tu mi vuoi dottore?!…

Papà, stasera no, non ti lavare:
sei bello pure quando sei sporco…
Abbracciati a me, ti voglio ringraziare
per tutto quello che mi hai sempre dato.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...