Profughi_della_Vlora_in_banchina_a_Bari_8_agosto_1991

Immigrazione: da Italiani brava gente a “affondino pure, mangime per pesci!”

Più ne muoiono e meglio è. Questi crepano ed io bevo felicemente un costoso vino per festeggiare!!!!!! Oleeeee

Così scrive Luca su Facebook, commentando l’ennesima tragedia del Mediterraneo.

Cosa ci è successo? Cosa siamo diventati? Continua a leggere “Immigrazione: da Italiani brava gente a “affondino pure, mangime per pesci!””

Annunci

“Lu sutori tlu tata” (il sudore del padre) una poesia che parla al cuore (con trad. in italiano)

Questa volta non propongo un contenuto originale, anche perché sto messo male a fantasia in questo periodo. Vi propongo, però, una poesia.

Il poeta, Giuseppe Di Viesto, è della mia piccola cittadina, San Vito dei Normanni. Secondo me parla al cuore, almeno al mio.
Continua a leggere ““Lu sutori tlu tata” (il sudore del padre) una poesia che parla al cuore (con trad. in italiano)”

Donna al volante pericolo costante? La scienza dice che non è così

Donne al volante… pericolo costante? Niente affatto. Ormai ci sono le prove scientifiche: le donne guidano meglio degli uomini.

Sarà capitato a chiunque di vedere una donna viaggiare a 20 km/h su una provinciale, creando file pantagrueliche, o di averla vista svoltare senza mettere la freccia o, ancora, di perdere il semaforo verde perché la signora davanti ha fatto spegnere la macchina.
Continua a leggere “Donna al volante pericolo costante? La scienza dice che non è così”

cosa visitare a genova

“Cosa vedere a Genova?” No, la domanda giusta è “cosa sentire a Genova?”

Sì lo so niente di esotico, niente di tasgressivo. Non sono andato a Berlino tra i locali più cool di musica elettronica e non sono stato nel mercato affollato e coloratissimo di Bangkok. Sono stato a Genova e comunque ne voglio parlare.

Genova non è una città, è una dimensione. Soprattutto se arrivi da Milano. La distanza è poca, in macchina o in treno ci vuole un’ora e mezza, eppure la sensazione è quella di aver preso un aereo.
Continua a leggere ““Cosa vedere a Genova?” No, la domanda giusta è “cosa sentire a Genova?””

La Scozia, la Catalogna, la Padania. Il desiderio di dividersi e lo “spirito dello zaino”

Una cosa che mi colpisce molto, in questo periodo di crisi di idee e sogni – più che di crescita del PIL – è il desiderio di dividersi, di separarsi. La divisione sembra l’unica soluzione per la libertà, per “stare meglio”.

Si è scritto molto del referendum in Scozia. In palio c’era l’indipendenza dal Regno Unito (dove “Unito” è evidentemente un’esagerazione), e fino alla fine i sondaggi erano “too close to call“. Gli scozzesi hanno deciso di non separarsi.

Meno inchiostro è stato versato per la grandissima manifestazione a Barcellona per la secessione della Catalogna (piena di giovani), che pur è stata qualcosa di eccezionale.

Continua a leggere “La Scozia, la Catalogna, la Padania. Il desiderio di dividersi e lo “spirito dello zaino””

sindrome di peter pan

Quando un adoloscente ti dà del lei e tu ti senti Peter Pan

Questo non è un post autoreferenziale, né intimista. Scrivo solo cretinate per mettere ordine alle idee.

 

 Mio nonno a 30 anni aveva 2 figli, mio padre a 30 anni aveva 1 figlio.
Io a 30 anni penso al prossimo Spritz (Campari ovviamente).

 

Così scrivevo su Facebook il 7 settembre 2012. Oggi, dopo due anni, la mia maturazione si esplica nel fatto che, forse, prenderei un Vodka Lemon, toh…
Continua a leggere “Quando un adoloscente ti dà del lei e tu ti senti Peter Pan”

rino gaetano banca

Sei un artista mancato, un choosy cronico o solo un lavoratore? Scoprilo

Premessa: massimo rispetto per le passioni. Ognuno ha il diritto di provare a fare quello che ama, sia esso il calciatore o la ballerina della Scala.

Per decenni i genitori hanno indirizzato i propri figli verso carriere “sicure”. Il posto in banca, il negozio di famiglia, il concorso alla Regione… mi viene in mente il grandissimo Rino Gaetano, obbligato a lavorare in Poste dal padre, prima che emergesse il suo genio.

Oggi i genitori sono diventati più accondiscenti e i figli, però, tutti artisti. Vai con le iscrizioni di massa a scienze della comunicazione (facoltà rispettabile alla quale anche io mi ero preiscritto). Il punto è che non tutti possono fare tutto.
Continua a leggere “Sei un artista mancato, un choosy cronico o solo un lavoratore? Scoprilo”

Vita da expat: l’amore ai tempi dell’aperitivo

In questo post voglio parlare della vita da expat che, stasera, ho elaborato e approfondito con alcuni miei amici.

Non importa che tu viva a Milano, Bruxelles, Parigi, Londra, New York, Hong Kong o Sidney. Sei sempre un “expat”, un essere umano che viene da un luogo e vive in un altro, più dinamico, che hai eletto come tuo per lavorare, crescere, vivere.

Tante sono le qualità di questa condizione, ma ci sono anche tanti punti oscuri.

Continua a leggere “Vita da expat: l’amore ai tempi dell’aperitivo”