cara germania

“Cara Germania…” lettera semiseria dell’Italia per spiegare cosa sta succedendo

Cara Germania, so che non è colpa tua. Mi assumo tutte le responsabilità. Ma sono suscettibile e capricciosa. Ognuno ha i suoi difetti. Per esempio tu sei tutta d’un pezzo e non cedi mai di un millimetro. E se ne sono accorti gli altri. UK, egocentrico, ha cambiato comitiva. Gli amici Grecia, Spagna, Portogallo e Francia non se la passano bene e parlano male di … Continua a leggere “Cara Germania…” lettera semiseria dell’Italia per spiegare cosa sta succedendo

La Scozia, la Catalogna, la Padania. Il desiderio di dividersi e lo “spirito dello zaino”

Una cosa che mi colpisce molto, in questo periodo di crisi di idee e sogni – più che di crescita del PIL – è il desiderio di dividersi, di separarsi. La divisione sembra l’unica soluzione per la libertà, per “stare meglio”.

Si è scritto molto del referendum in Scozia. In palio c’era l’indipendenza dal Regno Unito (dove “Unito” è evidentemente un’esagerazione), e fino alla fine i sondaggi erano “too close to call“. Gli scozzesi hanno deciso di non separarsi.

Meno inchiostro è stato versato per la grandissima manifestazione a Barcellona per la secessione della Catalogna (piena di giovani), che pur è stata qualcosa di eccezionale.

Continua a leggere “La Scozia, la Catalogna, la Padania. Il desiderio di dividersi e lo “spirito dello zaino””